destinoitacare.com

Il licenziamento del dipendente pubblico prima e dopo il «Jobs Act» - Alberto Tampieri

DATA DI RILASCIO 15/11/2016
DIMENSIONE DEL FILE 6,42
ISBN 9788892105423
LINGUAGGIO ITALIANO
AUTRICE/AUTORE Alberto Tampieri
FORMATO: PDF EPUB MOBI
PREZZO: GRATUITA

Il miglior libro Il licenziamento del dipendente pubblico prima e dopo il «Jobs Act» pdf che troverai qui

Il licenziamento del dipendente pubblico, nell'ambito della costante evoluzione della disciplina del pubblico impiego, è argomento di grande attualità; esso si inserisce in un più ampio dibattito, in atto ormai da tempo, sugli strumenti più adeguati per consentire alla pubblica amministrazione di recuperare efficienza e produttività, tra i quali, appunto, la possibilità di licenziare "liberamente" i dipendenti pubblici "nullafacenti". Un rinnovato interesse per l'argomento è sorto a seguito dell'emanazione della legge n. 92/2012 (c.d. riforma "Fornero"). Quest'ultima infatti, intervenendo sull'art. 18 dello Statuto dei lavoratori, ha riaperto un interessante dibattito - che sembrava ormai tendenzialmente consolidato, almeno in giurisprudenza - sulle conseguenze dell'eventuale illegittimità del recesso intimato dalla pubblica amministrazione, e in particolare sull'applicabilità dell' art. 18 al lavoro pubblico. Ci si è chiesti, sin dai primi commenti, se l'art. 18 dello Statuto, unica norma che disciplina le conseguenze dell'illegittimità del recesso nell'ambito del lavoro pubblico (v. infra), debba trovare applicazione nella sua versione novellata o in quella antecedente alla legge Fornero (infra, cap. III). Infatti, stando alla previsione dell'art. 1 della legge n. 92/2012, le innovazioni apportate dalla riforma non dovrebbero essere immediatamente applicabili anche al lavoro nella pubblica amministrazione; la giurisprudenza però, come si vedrà, si è orientata in senso diverso.

...zione: 1 Pubblicazione: 2015-05-01 Licenziamento Job Act articolo 18 Con il Jobs Act il Governo Renzi ha deciso di cambiare le regole previste per il licenziamento dei lavoratori dipendenti ... Il licenziamento del dipendente pubblico prima e dopo il ... ... . Gli assunti a partire dal 2015 non avranno infatti le tutele previste dall'articolo 18, che fino al 2014 prevedeva il reintegro del dipendente in azienda in caso di licenziamento illegittimo. Jobs Act, Cassazione dà ... con tre condizioni al decreto legislativo della riforma Madia che prevede il licenziamento dei dipendenti pubblici ... saranno pubblicati dopo essere stati letti e ... Il licenziamento ... Il licenziamento del dipendente pubblico prima e dopo il ... ... ... con tre condizioni al decreto legislativo della riforma Madia che prevede il licenziamento dei dipendenti pubblici ... saranno pubblicati dopo essere stati letti e ... Il licenziamento dopo il Jobs Act - parte prima. Permesso di ... (per l'ambito di applicazione del contratto a tutele crescenti si veda l'articolo pubblicato il 29.07 ... segnala che con riferimento alle imprese di piccole dimensioni (art. 18, comma 8 L. 20.05.1970, n. 300: non più di 15 dipendenti, ovvero non più di 5 se si tratta ... Compra Il licenziamento del dipendente pubblico prima e dopo il «Jobs Act». SPEDIZIONE GRATUITA su ordini idonei Il licenziamento del dipendente pubblico 1. Excursus storico p. 1 2. La disciplina generale del licenziamento: la giusta causa, il giustificato motivo oggettivo e soggettivo p. 17 3. Le ipotesi di licenziamento tipizzate dal legislatore nel d.lgs. n.165/2001 p. 31 4. Le ipotesi di licenziamento previste nella Jobs Act), che ha avuto una prima, rapida attuazione, mediante il decreto delegato n. 23/2015 in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti e nuova disciplina dei licenziamenti. Licenziamenti 2020 cosa è cambiato con il Jobs Act? Dopo una lunghissima trattativa la nuova riforma del Lavoro è stata approvata in via definitiva grazie ai decreti attuativi Jobs Act che hanno decretato la modifica e l'abolizione delll'articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori per i nuovi assunti a tempo indeterminato a partire dal 7 marzo 2015 in poi, l'abolizione dei cocopro e dei mini ... Il licenziamento del dipendente pubblico, nell'ambito della costante evoluzione della disciplina del pubblico impiego, è argomento di grande attualità; esso si inserisce in un più ampio dibattito, in atto ormai da tempo, sugli strumenti più adeguati per consentire alla pubblica amministrazione di recuperare efficienza e produttività, tra i quali, appunto, la possibilità di licenziare ... Le indicazioni contenute nel Jobs Act sembravano indicare che le nuove regole dovessero applicarsi a tutti i lavoratori dipendenti, estendendo quindi per la prima volta la riforma in materia di licenziamenti, in particolare per quanto concerne il licenziamento illegittimo, anche al pubblico impiego. Niente licenziamento per giustificato motivo se ci sono posti liberi di pari mansioni o anche che prevedano il demansionamento: prima e dopo il Jobs Act. D'altronde, come sopra accennato, le difficoltà interpretative insorte circa l'applicabilità ai dipendenti pubblici dell'art. 18 St. Lav., nonchè del Dlgs 23/2015 (c.d. Jobs Act) per gli ... Titolo: LICENZIAMENTO DEL DIPENDENTE PUBBLICO PRIMA E DOPO IL JOBS ACT Autore: ALBERTO TAMPIERI Editore: GIAPPICHELLI EDITORE ISBN: 9788892105423 Sezione: Universita Pagine: 166 Edizione: 2 Pubblicazione: 2016-11-10Aggiornata la D.Lgs. n. 1162016 Il rapporto di lavoro era sorto nel 2016 e, dunque, rientrava nel regime del «Jobs act», più precisamente nel «contratto a tutele crescenti» introdotto dal D.Lgs. 4 marzo 2015, n. 23; sennonché, il rapporto di lavoro era stato ceduto, nell'ambito di un cambio di appalto, dall'originario datore di lavoro a quello che ha poi comunicato il licenziamento. Le tutele crescenti non hanno reso più agevole il licenziamento dei lavoratori dipendenti. È quanto emerge dallo studio "I contratti a tempo indeterminato prima e dopo il Jobs act ... Le norme sui licenziamenti dopo la Riforma del Lavoro per dipendenti pubbl...